30 lug 2012

...ma con quel pancione lavori ancora?!

Eh, si.
Essendo in Italia succede anche questo.
Ma rassicuro tutti: non è masochismo.
Sarei stata volentieri anche a casa a mangiare ghiaccioli all'arancia srotolata sul divano con l'aria condizionata puntata sui piedi, a ciondolare qua e là, a pettinare le barbie e smacchiare i leopardi.




30 commenti:

Cristina ha detto...

a volte dimentichiamo di essere in Italia.. :P

Giovy ha detto...

Quando ho lavorato in Svizzera ho capito che c'è anche chi sta anche peggio. Certi paesi sono avantissimi per molte cose ma in quanto a maternità... aiuto.
In Italia di certo non siamo messi bene... e tu, mi raccomando, non ti sbattere troppo che c'è il Piccolo Calzino che vuole stare tranquillo.

Quanto manca??

Calzino ha detto...

Giovy, un mese e una settimana :D
La maternità rimane ancora un mistero legislativo. Non ti dico le lotte con l'Inps, anche.

Insight ha detto...

Non smacchiare i leopardi, il solvente puzza.
Bacio.

Giovy ha detto...

Tu resisti... intanto ti penso :)
E se l'Inps va il cazzino... gli scateniamo contro Torchwood!

elena petulia ha detto...

Meglio. Vuol dire che stai bene e che avrai più tempo dopo. E quello sarà tempo benedetto.

Calzino ha detto...

Elena cara, sono così stanca, così stanca, così profondamente stanca che mentre lo scrivo mi addormento.

ventopiumoso ha detto...

calzino, distilli bellezza :)
sulla maternità, no, in ostrogotia sono molto più avanti. ma è normale che le donne lavorino fino a pochi giorni prima del parto. e sono iperattive come sempre. non sono costrette, ma non capiscono perché dovrebbero starsene a casa :)
bacio e augurissimi, non vedo l'ora che il gomitolo si srotoli :D

ribbon. ha detto...

sei bella :*

Adriana Riccomagno ha detto...

Tieni duro! :-)

ha detto...

Bella bella bella, bellissimissimissima!

mgg64 ha detto...

bella sta pancia...dai calzino, manca poco poco...poi te lo puoi mangiare di baci..

la belle auberge ha detto...

Ciao, Calzino! Il tuo pancione è molto fotogenico. Non badare alle chiacchiere dei soliti rompini e goditi questo periodo di grazia. Un abbraccio

Bri ha detto...

ma che bel pancione che c'hai! la cosa importante é che tu e Piccolo Calzino stiate bene! su su, forza!

Mari da solcare ha detto...

Bedda. Io da dipendente statale sono stata fortunata: a casa, due mesi prima e tre dopo. Credo che dovremmo avere il diritto di scegliere. Fare un figlio non è solo un fatto personale: è anche un "servizio" sociale. Ergo, dovresti potere scegliere di riposarti, gambe sul cuscino, e aria condizionata sui piedi. Un abbraccio grande grande.

Cri ha detto...

Non è solo scandaloso costringerti ad andare a lavorare fino all'ultimo "prima"... Spero sia almeno concesso il tempo opportuno "dopo", a te e al bimbo, per stare insieme. Che non ti venga negato l'ulteriore, ancora più fondamentale, diritto, di ritemprarti dal parto e curarti di te, del nascituro, e della sua serenità nel venire al mondo e cominciare a viverci degnamente.

nero_RG ha detto...

O_o Ma daiiiiiiii...

Un mese e una settimana e anche in casa RG planerà un Angelo.
E chi l'avrebbe mai detto di avere un'emozione così significativa in comune con calzino. :p

Buona attesa.

latteaigomiti ha detto...

manca pochissimo ormai :-D
io, dato che la cosa mi riesce particolarmente bene, oggi ho brindato a voi tre. Un sorso per uno.

Queen B ♛ ha detto...

ciao due Calzini, siete meravigliosi

GIALLOSANMARINO ha detto...

immagino che il piccolo fantasmino uscuirà incazzato nero !!! ma siamo donne e ci distinguiamo proprio per l'enorme forza!! dai su che manca poco!!! non aggiungo altro se non riusciamo a capire l'importanza del diritto alla maternità!!! siete bellissimi!!!! :) _marì

pollywantsacracker ha detto...

che tittone, bella te!

e comunque tutt'ora mi si chiede con aria stupita se lavoro, con tre figlie. Come se le mantenesse il parroco, no?

Quel disco che hai nella colonna sx è anche uno tra i preferiti di mio fratello :)

miky ha detto...

wow !!!!!
ma che bello che e' il tuo blog , poi non e' affatto pretenzioso , e' davvero stupendo , quando si entra qui , non so perche' ma ci si sente a proprio agio <3<3
mi sono iscritta , spero ti faccia piacere
se ti va passa da me :)
http://piccola-farfalla.blogspot.com
http://favolosamentedonna.blogspot.com
ciauxx

miky ha detto...

mmmmmm.....anche mia cugina e' incinta e lòavora con un pancione simile al tuo , gia' hai detto bene , in italia si fa questo....( ed altro ) :|
non si fa........ bisogna fare ..

D'Aria ha detto...

Ma che bel pancioneeeeeeee!!!!!! quanto manca?

valigiesogni ha detto...

Ecco, queste cose mi fanno profondamente incazzare (in genere evito di scrivere brutte parole ma quando ci vuole…) Due ex donne incinte, ora entrambe mamme, due care ragazze entrambe dedite al lavoro. La prima però ha la sfiga (che di suo non lo sarebbe se uno vivesse in una paese normale) di lavorare nel settore privato (da dieci anni nella stessa azienda e ancora precaria), la seconda lavora da pochissimo tempo nel settore pubblico. Domanda: perché la disgraziata che lavora presso un’azienda privata ha dovuto (il verbo “dovere” non è stato scelto casualmente) lavorare con un giga pancione e riprendere a lavorare quando il suo scricciolo era, appunto, uno scricciolo mentre l’altra si è potuta permettere una lunga maternità seguita da un altrettanto adeguato periodo d’allattamento? Non me la prendo con il settore pubblico ma con tutte le menate che ci stanno facendo sulla riforma del lavoro e la flexicurity. Molto flex…
Un caro abbraccio.

BEGONIA ha detto...

Calzino, che bella la tua foto, è uguale a una delle mie che facevo ogni mese per seguire l'evoluzione delle panze... o forse saranno tutte uguali??? Diciamo che la posizione è identica... :-)
Che emozione, che bei ricordi il primo cucciolotto da abbracciare... ti auguro ogni bene

Lego ha detto...

... La mia Irma bellissima. Ma prima che il Calzino esca, dici che riusciamo a vederci??

Francesca ha detto...

Pero' che meraviglia quel pancione. Baci.

Calzino ha detto...

Grazie a tutti, siete tanto cari!

Isabel ha detto...

Che strano paese è il nostro!