18 nov 2010

Il faro

Vederlo da vicino è diventare pescatori.
Pochi attimi, è tempesta.
E sono diventata Long John Silver, all’occorrenza Cristoforo, un breve istante e le gambe, ecco, una coda di sirena
Il faro, questa piccola cosa che mi fa fermare il cuore.

2010, esiste ancora. Lo immortalo, non è un sogno.


17 commenti:

D'Aria ha detto...

che fascino che hanno...è una cosa di altri tempi...

Absinto ha detto...

Wow! che foto spettacolare...

Eileen ha detto...

bello! Sarebbe il mio sogno, fare il guardiano di un faro e vivere lì, sola e sperduta a confrontarsi con il mare...

Ellys...o meglio Martina ha detto...

E' bellissima la foto che hai scattato. Vivere in un faro deve essere troppo ganzo!!!

chiara moltoni ha detto...

Da noi, su Capo Mele, il faro c'è. E' sulla terra ferma, praticamente a picco su una scogliera, e tutte le volte che ci passo vicino - c'è la strada, la via aurelia, sotto -, lo osservo incantata. E, come quand'ero piccina e mi sembrava grande, maestoso lo è ancora, nonostante i miei occhi adulti, perchè è sempre lo stesso palpito del cuore quello che sente pulsare la sua vita di luce.
Buona giornata

bussola ha detto...

che bellissima foto..... hai provato a ritoccarla e farla stile foto invecchiata.... su youtube ci sono diversi tutorial.... secondo me la foto si presterebbe.....
potresti provarci... così per gioco

Calzino ha detto...

Bussola: è già ritoccatissima ti assicuro :)

L'inverno di June ha detto...

Ho letto da qualche parte che il mestiere di guardiano del faro è molto ambito...vuoi mettere il romanticismo di vivere in un posto cosi? pura magia!!bellissima foto!!

ventopiumoso ha detto...

calzino, ma un faro sul panaro? :O

Mari da solcare ha detto...

Mi piacerebbe postarti la foto del faro di Linosa...
Quando ero ragazzina, praticamente un secolo fa, c'era la Tv dei ragazzi. E delle storie strepitosamente fantastiche dal titolo "Il guardiano del faro"...
ciao

ribbon. ha detto...

mi piace la foto
e adoro i fari
hanno un che di mistico
in irlanda ne vidi uno che mi ha rubato il cuore

bussola ha detto...

ok.... io intendevo come quella del mio album della maremma.... un pò sfumata ai lati....comunque è molto bella anche così....e il soggetto mi piace un sacco

Bianca ha detto...

Quando ero piccola andavo al mare a Castro, in Salento. C'era un faro (purtroppo non più funzionante) intorno al quale danzavano storie che scuotevano anche la più fervida immaginazione...storie che in effetti, a pensarci, non potevano che essere così.
Le vecchiette che vivono tuttora nel paese alto di Castro e non nella marina, guardavano il faro all'ingresso del porto e se per mariti e figli, era un modo per orientarsi sulla via di casa, per le mogli era un modo per scrutare il mare dall'alto del paese, se qualche barca stava rientrando dopo la pesca.
Hai fatto una bellissima fotografia, rende l'idea di quanto possa essere importante un faro per non perdere la rotta nella notte.
Una tua lettrice...sporadica!

Calzino ha detto...

Che belle storie.

Eta ha detto...

E poi i mulini a vento...

balpa ha detto...

ha un fascino incredibile: da qualche tempo a questa parte mi piacerebbe trascorrerci una vacanza.

Lhasa ha detto...

Io
lo
faro!